Coritour  PERU'

 

 

    HOME

 

  Home Francotours

 

  Foto index

  Foto amici

 

  Patagonia

  Brasile

  Argentina

  Cile

  Bolivia

 

  Uzbekistan-Samarcanda

 

  Romania

 

  India - Nepal

 

  Italia

 

  Paris

  USA

  Libya

  Marocco

  Thai-Cambogia

  Giordania

  Zodiac Qusayr Amra

  Siria

  Russia

  Perù  Nazca

  Mexico

  Guatemala

  Cile

  Argentina

  Brasile

  Grecia

  Scozia

  Olanda

 

 

  Diari di Viaggio

 

  TERRA

  CONTINENTI

  NAZIONI

  CITTA'

   

 

  Meteorologia

  Astronomia

  Cielo del Mese

 

  NEWS 

  Utility

  Link

 

  Google Large Map

 

  Riservato

 

  Posta email

 

  TV & RADIO online

 

  TV  SKY TG 24

 

  RADIO  online

   

  credits

 

 

pagina precedente  -  pagina successiva

                                                               

PERU'

cliccare

     
  Foto  Franco Peru'    
     

 


SCHEDA  PERU'

Perù

     da Wikipedia,  si ringrazia

Il Perù (in spagnolo: Perú, in quechua: Piruw, in aimara: Piruw) è una nazione (1.285.220 km², 27.949.630 abitanti, capitale Lima) dell'America meridionale. È una Repubblica presidenziale, l'attuale capo di Stato è Alan García.

Confina a nord con Ecuador e Colombia, a est con Brasile e Bolivia, a sud con Cile, a ovest con l'Oceano Pacifico.

La lingua ufficiale è lo spagnolo. Il quechua e l'aymara, lingue indigene parlate prevalentemente nella regione andina, sono riconosciute localmente come ufficiali dove il loro utilizzo è effettivamente prevalente.

In Perù vige il sistema metrico decimale; unica eccezione la benzina, che viene venduta a galloni.

Il 15 agosto 2007 il paese è stato colpito da due violente scosse di terremoto (le maggiori registrate nella zona dagli anni ottanta) che hanno causato - secondo un primo bilancio - la morte di 510 persone e 1.150 feriti.

Perù

 

 

(dettagli)

 

 

(dettagli)

Motto: Firme y Feliz por la Unión[senza fonte]
(spagnolo per: Saldo e Felice per l'Unione)

Generalità

Nome completo:

Repubblica del Perù

Nome ufficiale:

República del Perú

Lingue ufficiali:

Spagnolo1

Capitale:

Lima  (7.112.744 ab. / 2003)

Politica

Forma di governo:

Repubblica presidenziale

Presidente:

Alan García Pérez

Primo Ministro:

Jorge del Castillo

Indipendenza:

dalla Spagna
28 luglio 1821


 

Ingresso nell'ONU:

31 ottobre 19452

Superficie

Totale:

1.285.220 km²  (19º)

 % delle acque:

8,8 %

Popolazione

Totale (2005):

27.947.000 ab.  (39º)

Densità:

22 ab./km²  

Geografia

Continente:

America del Sud

Fuso orario:

UTC -5

Economia

Valuta:

Nuevo sol peruviano; precedentemente inca peruviano

PIL (PPA)  (2006):

189.487 milioni di $  (50º)

PIL procapite (PPA)  (2005):

5.983 $  (98º)

ISU  (2008):

0,788 (medio)  (79º)

Energia:

 

Varie

TLD:

.pe

Prefisso tel.:

+51

Sigla autom.:

PE

Inno nazionale:

Somos libres, seámoslo siempre

Festa nazionale:

28 luglio

1Il quechua, il aymara ed altre lingue sono riconosciute localmente come ufficiali dove sono predominanti.
2 è uno dei 51 Stati membri che nel 1945 diedero vita all’ONU.
Il Perù è inoltre membro dell'AMCC, del Patto delle Ande, dell'OAS e del Gruppo di Rio.

Il Perù (in spagnolo: Perú, in quechua: Piruw, in aimara: Piruw) è una nazione (1.285.220 km², 27.949.630 abitanti, capitale Lima) dell'America meridionale. È una Repubblica presidenziale, l'attuale capo di Stato è Alan García.

Confina a nord con Ecuador e Colombia, a est con Brasile e Bolivia, a sud con Cile, a ovest con l'Oceano Pacifico.

La lingua ufficiale è lo spagnolo. Il quechua e l'aymara, lingue indigene parlate prevalentemente nella regione andina, sono riconosciute localmente come ufficiali dove il loro utilizzo è effettivamente prevalente.

In Perù vige il sistema metrico decimale; unica eccezione la benzina, che viene venduta a galloni.

Il 15 agosto 2007 il paese è stato colpito da due violente scosse di terremoto (le maggiori registrate nella zona dagli anni ottanta) che hanno causato - secondo un primo bilancio - la morte di 510 persone e 1.150 feriti

Etimologia

La parola Perú deriva da Birú, il nome di un governatore locale che visse vicino al Golfo di San Miguel (Panama) nella prima metà del XVI secolo. Quando gli spagnoli vi giunsero, nel 1552, quei domini erano la parte più a sud del Nuovo Mondo a cui gli europei fossero mai giunti. Così quando Francisco Pizarro raggiunse le regioni ancora più a sud, queste furono denominate Birú o Perú. La Corona di Spagna diede al nome uno statuto legale nel 1529 con la Capitolazione di Toledo, la quale designò il caduto impero Inca come Provincia del Perú. Sotto il mandato spagnolo il paese adottò la denominazione di Viceregno del Perú, che si convertì in Repubblica del Perú dopo l'indipendenza.

Storia

  Per approfondire, vedi la voce Storia del Perù.

Civiltà precolombiane

  Per approfondire, vedi le voci Civiltà precolombiane, Inca e Impero Inca.

Nazca

Uros, Titicaca

I primi reperti della presenza umana in Perù sono datati a 32.000 anni fa. Inizialmente si trattava di nomadi dediti soprattutto alla caccia. Intorno al 4000 a.C. iniziarono a dedicarsi anche all'agricoltura e a creare comunità stabili, soprattutto lungo la linea costiera. Tra il 2000 e il 1000 a.C. si hanno i primi riferimenti della lavorazione della ceramica, mentre tra il 1000 e il 300 a.C. (Antico orizzonte) si sviluppa la tessitura e si segnalano notevoli sviluppi nell'uso dell'agricoltura come fonte stabile di sostentamento. Inizia l'epoca dei Chavin durante la quale ebbe inizio l'uso dei metalli (rame e oro).

Il periodo intermedio, che va dal 300 a.C. al 600, vede il declino dello stile Chavin e l'affermarsi di alcune culture locali, come quella Salinar, Paracas, Moche, Trujillo e Nazca. Dal 600 al 1000 si ha il periodo del Medio orizzonte con l'ascesa dei Wari, il primo popolo espansionista di cui si abbia notizia nella zona delle Ande. Ma anche i Wari ebbero vita breve, e furono sostituiti da singoli stati regionali, come il regno dei Chimu, i Chancay, i Chachapoyas, Ica-Chincha, i Chankas. Nel XIII secolo inizia la storia degli Inca e del Regno di Cusco, che si trasformò a breve in un impero, il Tahuantinsuyo. Questa civiltà, probabilmente la più importante della regione andina ebbe massima espansione, anche territoriale, attorno all'inizio del XVI secolo per scomparire pochi decenni più tardi con la colonizzazione spagnola.

Attraverso successioni di guerre e matrimoni tra le nazioni che occupavano la valle, la regione divenne parte dell'Impero Inca. Alla morte dell'imperatore Huayna Capac l'impero venne diviso tra i suoi due figli e mentre Atahualpa, il primogenito, ricevette la parte settentrionale, con capitale Quito, il fratello Huáscar ricevette quella meridionale che manteneva la vecchia capitale Cuzco. Nel 1530 Atahualpa sconfisse Huascar e riunificò l'impero sotto di sé.

La conquista spagnola

  Per approfondire, vedi le voci Impero spagnolo, Colonialismo spagnolo, Colonizzazione europea delle Americhe e Conquista dell'impero Inca.

L'impero degli Inca ebbe termine con la cattura di Atahualpa da parte di Francisco Pizarro e, nel 1535, gli spagnoli stabilirono la capitale del Perù a Lima. Nel 1536 si ebbe l'ultimo tentativo degli Inca di riacquistare l'indipendenza ma, il "ribelle" Manco Inca Yupanqui (conosciuto anche come Manco Capac II), dovette ritirarsi a Vilcabamba, nella giungla, dove venne ucciso nel 1544.

Nel 1551 venne fondata la prima università del continente a Lima: l'Universidad Nacional Mayor de San Marcos.

Nel 1780 oltre 60.000 indios, capeggiati da Túpac Amaru II, si ribellarono alla dominazione spagnola, ma l'insurrezione fu soffocata nel sangue. Sempre gli indios, nel 1814, capeggiarono un movimento indipendentista, ma anche questo tentativo andò fallito.

L'indipendenza

Il 20 agosto 1821, il militare Argentino José de San Martín organizza una spedizione marittima che partirà dal porto di Valparaíso. Il 12 settembre sbarca a Pisco, in Perú; il 26 ottobre si dirige a nord occupando la città di Huaura. Josè de la Serna, viceré del Perù nominato dalla corona di Spagna, cercherà di risolvere il conflitto per via pacifica, promuovendo una conferenza con San Martin, che tuttavia non otterrà gli esiti sperati. San Martín occuperà Lima, il 28 luglio proclamando l’indipendenza del Perù e assumendone (il 3 agosto) il potere, e governando il paese fino al 20 settembre 1822.

Storia recente

I primi anni dell'indipendenza furono, ovviamente, alquanto caotici e caratterizzati di piccole guerre di potere. Nel 1836 la Bolivia invase il Perù, per formare la Confederazione Perù-Bolivia, che ebbe fine a seguito dell'intervento militare del Cile nel 1839 (Guerra della Confederazione).

Nel 1845 salì al potere Ramón Castilla, il primo a promulgare, nel 1860, una Costituzione democratica. Dal 1864 al 1866 il Perù, fiancheggiato da Ecuador, Bolivia e Cile, fu in guerra contro la Spagna per il possesso delle isole Chincha.

Nella seconda metà dell' Ottocento iniziò un modesto fenomeno emigratorio dall' Europa vero il Perù. Oltre 10.000 Italiani si trasferirono a Lima e dintorni creandovi la comunità degli Italo-peruani, assieme ad altrettanti Europei (specialmente ebrei).

Nel 1919 Augusto Leguía y Salcedo instaurò una dittatura militare, la prima di una lunga serie, fino a quando, nel 1939, divenne presidente il banchiere Manuel Prado y Ugarteche. Nel 1948 un colpo di stato militare portò al potere Manuel Arturo Odría, che dichiarò fuorilegge i partiti politici.

La storia recente (1980-2000) è stata anche caratterizzata dallo scontro tra lo stato peruviano e due gruppi armati di sinistra: i militanti maoiste di Sendero Luminoso sotto la guida di Abimael Guzman, ed il Movimiento Revolucionario Túpac Amaru (MRTA), comandato da Víctor Polay Campos. La Commissione di Verità e Riconciliazione, creata nel 2000 per determinare gli effetti della guerra, conclude nel 2003 che questo conflitto interno causò la morte di 70,000 cittadini, principalmente nelle zone andine e quechua-parlanti

Nel 1990, sale eletto Alberto Fujimori, il quale fece un "autocolpo" di stato il 5 aprile, 1992, dissolvendo il Parlamento e instaurando la legge marziale. Con l'aiuto delle forze armate ed i servizi d'intelligenza, Fujimori consolidò durante lo scorso decennio una dittatura che ridusse i diritti civili ed umani della popolazione. Nell'ottobre 1993, riesce a far approvare una nuova costituzione, che prevedeva la possibile rielezione del presidente per due mandati consecutivi, ampliandone notevolmente i poteri. Nel 1995 Fujimori viene rieletto presidente e, durante questo mandato, il suo Paese è impegnato in scontri militari con l'Ecuador per alcune aree di confine contese tra i due stati; solo nel 1998 verrà firmato un trattato che riporta la pace. Alla fine degli anni novanta, i mezzi di comunicazioni più importanti sono controllati dal governo per facilitare la rielezione di Fujimori ed era già formata una vasta rete di corruzione dal consigliere presidenziale, Vladimiro Montesinos, il quale era il capo dei servizi d'intelligenza. Nel 2000 nuove elezioni presidenziali e nuova vittoria di Fujimori che, però, si circonda di sospetti brogli elettorali e scandali di corruzione. In novembre 2000, Fujimori viaggiò nel Brunei per partecipare nel summit del Asia-Pacific Economic Cooperation (APEC), e non ritornò al Perù. Invece, si fermò nel Giappone e rinunciò alla presidenza via fax. Nel 2002, viene eletto a Presidente della repubblica il moderato Alejandro Toledo Manrique.

Nel 2006 vengono celebrate le nuove elezioni presidenziali. Il 4 giugno si è svolto il turno di ballottaggio (nel quale si sono affrontati i due candidati che hanno ottenuto più voti al primo turno) che ha visto il prevalere del candidato socialdemocratico Alan García - giunto al secondo mandato presidenziale - sul candidato nazionalista ed antiliberista Ollanta Humala.

Geografia

Il Perù è il terzo Paese del Sud America per estensione del territorio (dopo Brasile e Argentina), che si trova nella sua interezza in un'area tropicale. È diviso in tre zone: striscia costiera, catena montuosa andina e selva foresta pluviale amazzonica.

Procedendo da ovest verso est si distinguono tre regioni: la Costa, la Sierra e la Selva. La Costa è una zona arida e semidesertica, ad eccezione delle vallate dei fiumi, dove è possibile l'irrigazione. La Sierra (la regione andina) è costituita da altipiani con vette che superano spesso i 6000 metri di altezza (come, ad esempio, il monte Huascarán, che raggiunge i 6768 m). La Selva è formata da un vastissimo bassopiano che è attraversato da grandi fiumi (Marañón, Ucayali) che danno origine al Rio delle Amazzoni; questa regione, dal clima caldo e umido, è ricoperta da un manto di foreste impenetrabili, ed è la zona meno abitata del Perù (meno di 1 abitante per chilometro quadrato).

Sul confine con la Bolivia si trova il lago Titicaca, che è il secondo più vasto dell'America meridionale, nonché il più alto del mondo (3800 m.s.l.m.)

Alpamayo

Fiume  Rymac

Geografia politica

  Per approfondire, vedi la voce Divisioni amministrative del Perù.

Il Perù è suddiviso in 25 regioni alle quali va aggiunta la provincia di Lima che non appartiene a nessuna regione. Le regioni sono a loro volta suddivise in 195 province le quali sono composte da 1832 distretti.

Regioni del Perù (18-07-2005)

Nr.

Regione

Superficie in km²

Abitanti

Capoluogo

1.

Amazonas

39.249,13

398.582

Chachapoyas

2.

Ancash

35.914,81

1.039.460

Huaraz

3.

Apurímac

20.895,79

418.837

Abancay

4.

Arequipa

63.345,39

1.140.214

Arequipa

5.

Ayacucho

43.814,80

619.552

Ayacucho

6.

Cajamarca

33.317,54

1.359.829

Cajamarca

7.

Cusco

71.986,50

1.171.503

Cusco

8.

Huancavelica

22.131,47

446.708

Huancavelica

9.

Huánuco

36.848,85

731.082

Huánuco

10.

Ica

21.327,83

665.754

Ica

11.

Junín

44.197,23

1.091.619

Huancayo

12.

La Libertad

25.499,90

1.540.160

Trujillo

13.

Lambayeque

14.231,30

1.090.450

Chiclayo

 

Lima

34.948,57

8.630.004

Lima

14.

Callao

146,98

813.264

Callao

15.

Provincia di Lima

2.672,28

6.954.583

Lima

16.

Regione di Lima

32.129,31

862.157

Huacho

17.

Loreto

368.851,95

884.144

Iquitos

18.

Madre de Dios

85.300,54

92.047

Puerto Maldonado

19.

Moquegua

15.733,97

159.954

Moquegua

20.

Pasco

25.319,59

266.553

Cerro de Pasco

21.

Piura

35.892,49

1.630.665

Piura

22.

Puno

71.999,00

1.245.478

Puno

23.

San Martín

51.253,31

669.973

Moyobamba

24.

Tacna

16.075,89

274.451

Tacna

25.

Tumbes

4.669,20

191.713

Tumbes

26.

Ucayali

102.410,55

402.445

Pucallpa

 

Peru

1.285.197,60

26.152.265

Lima

 

Geografia economica [modifica]

San Isidro, Lima

Prodotto Nazionale Lordo: 2.610$ pro capite (46° posto della classifica mondiale).

Bilancia dei pagamenti: -3,4 miliardi di $.

Inflazione: 1,49% (2005) [2].

Disoccupazione: 7,00%.

Nel 1997 la crescita economica è stata del 7%, ma non più del 1% nel 1998, a causa degli effetti disastrosi di "El Niño", che ha provocato inondazioni con conseguenze sulla pesca, oltre le crisi finanziarie in Asia, Brasile e Russia. La popolazione è impiegata in

  • agricoltura e pesca 33% - 13% del PIL

  • settore minerario 2,5% - 10% del PIL

  • industria 10% - 22% del PIL

  • servizi 30% - 40% del PIL

  • disoccupati 8%

  • Il salario minimo mensile è di 187 US$.

Punti di forza. Risorse minerarie ricche (anche petrolio), pesca abbondante, agricoltura diversificata, industria tessile fiorente.

Punti di debolezza. Scarsi investimenti, banche deboli.

Risorse

Produzione di energia elettrica: 3.800.000 kW.

Pesca: 9.520.000 ton.

Petrolio: 124.290 b/g.

Allevamento: pecore 13,6 milioni, capre 2 milioni, bovini 4,7 milioni, suini 2,5 milioni.

Minerali: petrolio, carbone, piombo, zinco, ferro, argento, oro, rame.

nel tempo degli inca si coltivava soprattutto mais, patate e coca usando il metodo di coltivazione a terrazze. Ora si coltivano sempre patate e mais (in Perù di patate ne esistono circa 200 specie diverse e di mais 40). Adesso si coltiva anche come in passato la yuca, la patata dolce, il mani e un sacco di altri cereali e frutta.

Allevamento

In Peru si allevano tanti animali; nella sierra si allevano soprattutto lama e pecore; meno diffuso è l' allevamento di capre e mucche.

Minerali

Il rame è il minerale maggiormente esportato, seguito da zinco, oro, prodotti petroliferi, piombo, argento, ferro, stagno, fosfati, carbone, vanadio, bismuto, guano, mercurio, antimonio, molibdeno, tungsteno, sale.perite

Pesca

acciughe e sardine sono i prodotti della pesca più esportati, seguiti da gamberetti e olio di pesce. Il Perù è il 2° paese al mondo che si occupa di pesca, dopo la Cina.

Industria

I settori industriali più sviluppati sono quello tessile e quello siderurgico. Di rilievo anche la produzione di cemento, tabacco, metallurgia, alimentari, carta e chimica, sebbene non ancora esportata.

Trasporti

  • Aeroporto internazionale Jorge Chávez di Lima: 2.570.000 passeggeri/anno.

  • La flotta nazionale è composta da 695 navi, per 345.600 tsl.

  • Rete stradale: 72.800 km (la guida è a destra).

  • Rete autostradale: 2.495 km ("Panamericana").

  • Rete ferroviaria: 1.691 km.

  • Rete navigabile: 8.600 km.

Turismo

1 visitatore l'anno ogni 39 abitanti.

Provenienza dei turisti: USA 22%, Cile 12%, Argentina 6%, Italia 4%, Bolivia 3%, altri 53%.

Principali mete turistiche sono i siti archeologici incaici e pre-incaici (come Machu Picchu e le Linee di Nazca), la città coloniale di Cusco e le rovine dei dintorni, il Lago Titicaca e le sue isole, la città coloniale di Arequipa, la Cordigliera delle Ande e la foresta amazzonica.

Esportazioni

USA 23%, Cina 7%, Giappone 7%, Svizzera 6%, Germania 6%, Altri 51%.

Importazioni

Nel 1996 le importazioni hanno superato le esportazioni, soprattutto per i generi alimentari, i macchinari, attrezzature per trasporti prodotti industriali.

USA 32%, Spagna 9%, Cile 6%, Venezuela 4%, Colombia 4%, altri 45%.

Popolazione

Crescita demografica del Perù.

Con una popolazione di 28.220.764 abitanti secondo il censimento del 2007, il Perù è il quarto paese più popolato del Sudamerica.[3] La densità di popolazione è di 22 abitanti per km² e il tasso di incremento annuo è 1,6%.[4] Il 54,6% della popolazione peruviana vive sulla costa, il 32,0% nella regione andina e il restante 13,4% nella selva amazzonica.[5]

La popolazione urbana equivale al 76% e quella rurale al 24% del totale. Le principali città si trovano lungo la costa, i maggiori centri sono: Piura, Chiclayo, Trujillo, Chimbote, Lima, Ica. Nella regione andina le principali città sono Arequipa, Cajamarca, Ayacucho, Huancayo e Cuzco. Infine nella selva amazzonica la città più importante è Iquitos, seguita da Pucallpa, Tarapoto e Juanjui. Salvo le città di Chimbote, Tarapoto e Juanjui, tutte le altre sono capouoghi di regione.

Etnie

Studentesse durante un concorso a Lima.

Il Perù è un paese multietnico, formato dalla combinazione di diverse etnie nell'arco degli ultimi cinque secoli. Le popolazioni indigene vissero nell'attuale territorio peruviano per vari millenni prima della conquista spagnola del XVI secolo. Successivamente, a causa delle epidemie portate dagli europei, la popolazione dimunuì drasticamente: dai di 9 milioni di abitanti sitmati nel 1520, ai circa 600.000 intorno al 1620.[6] Durante il viceregno, numerosi spagnoli e africani giunsero in Perù, mescolandosi tra di loro e con la popolazione nativa. Successivamente all'indipendenza si è avuta una graduale immigrazione europea, principalmente da Inghilterra, Germania, Francia, Italia e Spagna.[7] Successivamente al 1850 vi fu una significativa immigrazione cinese, la quale ha influenzato notevolmente la società peruviana.[8] Da segnalare anche una lieve immigrazione di arabi e giapponesi.

Lingua

Lo spagnolo è la prima lingua per l'80,3% della popolazione nonchè quella ufficiale. Essa coesiste con varie lingue native, tra esse la più importante è il quechua, parlata dal 16,5% dei peruviani nel 1993. Nello stesso anno, altre lingue native o straniere erano parlate rispettivamente dal 3% e 0,2% della popolazione.[9]

Religione

In Perù la principale religione è il cattolicesimo. In base al censimento del 2007, l'81,3% della popolazione maggiore di 12 anni si considera di fede cattolica, il 12,5% di fede evangelica, il 3,3% appartiene ad altre religioni e il restante 2,9% non lo specifica.[10]

Istruzione

Il sistema educativo obbligatorio del Perù è costituito da tre livelli:

  • la "educacion inicial"che è la scuola dell'infanzia e inizia intorno ai 2/3 anni;

  • la "educacion primaria" che dura 6 anni e generalmente è seguita da un maestro unico;

  • la "educacion secundaria" che dura 5 anni e si ha più docenti.

Successivamente si puo accedere alle università o altri istituti superiori, ma solo dopo aver effettuato un esame di ammissione, la cui difficoltà varia in base al tipo di istituto che si intende frequentare.

Alfabetizzazione

Situazione dell'infanzia

Gli scenari della povertà

Cifre ufficiali dell’INEI, consegnate nell’ultimo rapporto dell’UNICEF (2004) sulla situazione dell’infanzia in Perù, indicano che due terzi dei bambini tra gli 0 ed i 17 anni di età, vivono al di sotto della soglia di povertà e circa la metà dei bambini tra gli 0 e gli 11 anni, risiedono nelle zone rurali. In Perù, in termini assoluti, ci sono 4,5 milioni di bambini con un’età inferiore agli 11 anni che vivono in povertà.

Educazione infantile

Dal punto di vista educativo, il tasso di frequenza scolastica è abbastanza alto. Anche se ci sono differenze visibili in base alle diverse estrazioni socioeconomiche, solo il 9,1% dei bambini tra i 6 ed i 17 anni, all’interno della fascia di estrema povertà, non ha frequentato nessun centro educativo nel 2000. Le differenze di dispersione scolastica in termini di genere non sono statisticamente significative in nessuno dei casi. Il problema maggiore è nell’istruzione dei bambini di età inferiore ai 6 anni, dove l’attenzione che ricevono da parte dello Stato è marcatamente iniqua. La fascia dei bambini di 5 anni di età è seguita in media nel 75% dei casi, quella dei bambini di 3-4 anni solo nel 38% dei casi; mentre i bambini dagli 0 ai 2 anni che hanno dei servizi a loro disposizione rappresentano il 2,5% del totale.

Inoltre si è sperimentato un serio arretramento nella decennio passato, passando dal fornire servizi a 290.000 bambini nel 1990 a 275.000 nel 2001.

Maltrattamenti e violenza

Il rapporto di UNICEF presenta un’informazione importante riguardo alle punizioni somministrate ai bambini all’interno del contesto familiare. E’ possibile osservare, ad esempio, come i livelli di aggressioni e di violenza sono maggiori nelle famiglie più povere; il 31,8% delle madri appartenenti alle fasce più povere ammettono di fare uso della violenza fisica per castigare i propri figli, contro all’11% delle madri delle fasce più alte.

Questa violenza ammessa nei confronti del bambino appare associata, inoltre, al livello di istruzione della madre. Ad un minor grado di istruzione corrisponde un maggior numero di aggressioni nei confronti dei figli: il 56% delle madri senza alcun tipo di istruzione usa la violenza fisica per punire i figli, contro il 24% delle madri con un livello di istruzione superiore.

Richiama l’attenzione, senza dubbio, il fatto che le madri con un livello di istruzione secondario o superiore che utilizzano metodi punitivi violenti sono circa 1/3. Risulta anche distintivo il fatto che avere un’istruzione primaria o non averne alcuna, non fa una gran differenza in termini di preferenza per le punizioni violente; in entrambi i casi si raggiunge una percentuale di poco superiore al 50%.

Ambiente

Gli habitat più importanti sono:

  • foreste di arbusti e praterie montane (paramos al nord, punas al centro e al sud)

  • foreste nebulari

  • foreste pluviali

  • deserto.

Il Perù aderisce ai seguenti trattati ambientali:

Flora

Il Perù è un paese con molti habitat naturali diversi:si passa infatti dalla foresta amazzonica fino al paesaggio delle Ande;per questo motivo,anche le specie animali e vegetali presenti sul territorio sono molto varie. Nella foresta amazzonica si possono trovare piante tropicali e numerose specie di orchidee. Tipici del deserto sono i cactus e altre piante grasse.

Fauna

Condor, Valle del Colca

Valle del Colca

Si stima che in Perù esistano circa 400 specie di mammiferi, 1.700 di uccelli, 500 di rettili e anfibi e circa 2.000 di pesci. Gli Inca veneravano 3 animali che sono tuttora presenti sul territorio:il giaguaro,il condor e il serpente. Nella foresta amazzonica peruviana si possono trovare specie di animali come il formichiere gigante,il caimano,varie specie di serpenti tra i quali la varietà velenosa nakanaka e numerose specie di boa,il tapiro,la tarantola,la lontra,il bradipo e diverse specie di scimmie; varietà di scoiattoli e roditori,tra i quali il capibara,il roditore più grande del mondo; numerose specie di pipistrelli,api e pappagalli. Nella costa peruviana troviamo invece le otarie,e nell’oceano anche le foche e le balene; numerose specie di uccelli come pellicani,cormorani e l’aquila pescatrice. Nel deserto vivono molte specie di insetti e aracnidi come il temibile scorpione. Procedendo verso nord la costa si può suddividere in tre zone:deserti,depressioni e pampa e valli fluviali e fertili;qui si può trovare la volpe,il cerbiatto,numerose specie di uccelli,gufi e barbagianni. Nelle Ande peruviane gli animali sicuramente più famosi sono il lama,l’alpaca e la vigogna importanti per il commercio della lana.

Aree protette

  Per approfondire, vedi la voce Aree naturali protette del Perù.

Le aree protette in Perù occupano oltre il 10% del territorio nazionale.

Siti naturali [modifica]

Letteratura

Tra gli scrittori celebri citiamo:

In Prosa

In Poesia:

In Perù è molto diffusa la Cumbia genere musicale originaria colombiana che negli anni settanta arrivò alla capitale, ora in Perù la cumbia si è diversificata in sitili che vanno dalla Chicha della capitale alla cumbia del Nord e quella della Regione Amazzonica detta Cumbia Selvatica, oggi la cumbia peruviana è solo seconda a quella colombiana. La Salsa è diventata oggi il secondo genere più seguito in Perù, soprattutto nella città portuale del Callao, inoltre tra i giovani viene seguito molto il genere Reggaeton, è una sorta di dance music diventata popolare all'inizio degli anni '90 e diffusosi tra il pubblico del Nord America, dell'Europa, dell'Asia e dell'Australia durante i primi anni del XXI secolo e l'hip hop.

Da segnalare, nel campo della musica classica, la figura di Enrique Pinilla, che terminati gli studi in Spagna, fondò a Lima l'Escuela Superior de Cine y Televisión.

Politica

  Per approfondire, vedi la voce Elezioni presidenziali peruviane del 2001.
  Per approfondire, vedi la voce Presidenti del Perù.
  Per approfondire, vedi la voce Primi Ministri del Perù.

Il Perù è una Repubblica presidenziale, l'attuale capo di Stato è Alan García.

Festività

  

 

   

pagina precedente  -  pagina successiva

HOME